Brexit: i rischi del referendum

Tra la celebrazione del Referendum sull’Acqua Bene Comune del 2011 ed il Referendum odierno in Gran Bretagna, alcune riflessioni per ribadire alcuni concetti e cogliere delle similitudini; dopo di che, col prossimo articolo, inizierà l’analisi delle singole disposizioni della Legge di Revisione costituzionale, partendo, naturalmente, da quelle relative … al referendum!

“Il sonnambulo inglese che cammina verso Brexit” è il titolo di un  articolo apparso sul “Sole24ORE” lo scorso 8 giugno; segnalo i passaggi più interessanti.

L’incipit: “Lo spettro sui cieli di Londra ha la forma di un populismo senza bandiere, prodotto meticcio di una destra di stampo ultra-conservatore e di una sinistra tanto scomposta quanto estrema”.

Il focus: “Sull’umore popolare grava, in realtà, una voglia anti-sistema che va molto oltre i temi-chiave del dibattito, siano essi le conseguenze sull’economia o le politiche sull’immigrazione. Sta emergendo una volontà di frattura che sfugge alla solidità dei numeri, alla linearità logica del contraddittorio, all’essenza stessa del voto”.

La chiusura: “I rischi di un referendum, si dirà. Certo, i rischi di un referendum che, proprio per questo, non si doveva fare”.

E’divertente, davvero, ed istruttivo!

Perché si scorge palesemente come ormai venga dipinto per “populista” (con colori brutti: meticcio, scomposto) qualsiasi soggetto politico ostile, a chi?: è populista tutto ciò che non piace alla narrazione dominante, al “Sistema”.

E questo, tradendosi un po’, lo confessa lo stesso giornalista: attenzione, ci dice, quelli che ho definito in principio spregiativamente populisti, in realtà sono a metà articolo diventati “anti-sistema”.

Quindi, riassumendo; tutto ciò che si oppone al “Sistema” è “populista”, e con ciò negativo: “meticcio” e “scomposto”.

Ma qual’è “il Sistema”, ed esiste solo un sistema, un altro sistema non è possibile?

No, per la narrazione dominante esiste solo “il Sistema”, ovvio; quale?

Ma è facile, signori: l’oligarchia Oligarchia, leggete la chiusura dell’articolo di chiaro stampo elitista Elites.

Ancora con il referendum, adesso facciamo decidere tutto al Popolo, che non capisce nulla, ma che siamo in democrazia?

 

 

Prima di chiudere, una annotazione:

Sapete chi ha indetto il referendum di oggi in Gran Bretagna? Nel 2013 David Cameron, il premier, che ora si batte per il Remain. Come tutti gli apprendisti stregoni, ha perso il controllo della macchina che aveva messo in moto (e ora “se la rischia”), la macchina del plebiscito, per verificare, in presa diretta, la propria supremazia politica: ma i plebisciti non li chiedono i populisti?

 

 

Autore: Stefano Stefàno

Mi chiamo Stefano Stefàno e sono un avvocato patrocinante in Cassazione del Foro di Roma, ove risiedo da quando sono nato nel 1957. Mi sono laureato presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nel 1982. Quattro anni prima, nel 1978, avevo sostenuto gli esami di Diritto Costituzionale e Diritto Pubblico, studiando su “Istituzioni di Diritto Pubblico” di C.Mortati (1975) e “Lezioni di Diritto Costituzionale” di V.Crisafulli (1976). Ora mi rendo conto che quando ho fatto quei due esami la Carta costituzionale era bella ed ancora giovane e per questo forse che, dal basso dei miei ventanni, questa quasi coetanea mi affascinò e mi fece innamorare di Lei, un amore che ancora dura, anche ora che ha perso sì la Sua giovinezza (ma anch’io sono un po’ invecchiato), ma non certo la Sua bellezza ….. mail: studiolegalestefano@fiscolex.com pec: stefanostefano@ordineavvocatiroma.org

4 pensieri riguardo “Brexit: i rischi del referendum”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...